strumenti per la scuola
Giovedì 27 giugno 2019
Ultimo aggiornamento: 07:18
liceovarchi SCHOOL / NEWS
è una testata giornalistica gestita dagli studenti dell’istituto su piattaforma offerta da liceovarchi.valdarnopost.it
 
 
 

11.04.2017 h 17:23 di  Redazione Liceo Varchi

commenti
 

LIBERA, propulsore della lotta contro la mafia

Marciamo insieme con Libera nella giornata della Memoria delle vittime delle mafie
LIBERA, propulsore della lotta contro la mafia

Libera “Associazioni, nomi e numeri contro la mafia” nasce nel 1995 per sensibilizzare i cittadini alla lotta contro la mafia e per promuovere legalità e giustizia. 

Attualmente Libera è un complesso di 1500 associazioni che collaborano con scuole, gruppi, e realtà di base impegnate a diffondere nei vari territori della penisola italiana la cultura della legalità. 

Libera è inoltre riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale e considerata un’eccellenza italiana. 

Il 21 marzo Prato è stata il centro toscano della lotta alla mafia e all’illegalità. La città infatti, per la prima volta, ha ospitato la manifestazione della XII giornata della Memoria e dell’Impegno alla lotta contro le mafie. 

Il primo giorno di primavera, simbolo della rinascita e del rifiorire della natura, è divenuto occasione per rendere nuovamente vivi nella nostra memoria i nomi delle vittime della mafia. Grande è stata l’affluenza all’evento, duemilacinquecento i partecipanti, tra i quali moltissimi giovani. Erano presenti infatti numerose classi dell’Istituto Benedetto Varchi e di altre scuole del Valdarno. 

Grande è stato l’impegno nell’organizzare l’evento e fra i partecipanti era ben visibile un forte senso di adesione e di condivisione della causa

La partenza della marcia era prevista alle 9.30 da piazza del Mercato Nuovo. E’ proseguita poi per le vie della città fino a piazza Santa Maria delle Carceri, dove alle 11 era prevista la fine del corteo. In previsione della grande affluenza è stato oltretutto bloccato il traffico. Alle 11, in 4.000 piazze d’Italia, novanta fra studenti e rappresentanti della società hanno letto dieci nomi ciascuno delle vittime della mafia. In seguito alla lettura canti, balli, e varie attività hanno visti coinvolti i numerosi partecipanti.

 

Data della notizia:  11.04.2017 h 17:23

 
 
 
comments powered by Disqus